Chiamate a orario serale: +39 049 8722400

Servizi

Visite ginecologiche a Padova

Lo studio medico Ambrosini, da anni al servizio della salute ginecologica e ostetrica, è un punto di riferimento. Professionalità, affidabilità e conoscenza sono le caratteristiche principali, arricchite da umanità e comprensione. Caratteristiche fondamentali per un medico al quale non basta sapere, ma deve riuscire a comprendere: il dottor Ambrosini da anni si preoccupa della salute delle sue pazienti. Era il 1992 quando ha iniziato la sua carriera da ginecologo e da allora non ha mai smesso di apprendere e di fare proprie tutte le nozioni, le metodologie e le tecniche che la medicina propone, tenendosi in costante aggiornamento. Un bagaglio culturale e professionale che lo ha reso capace di diagnosticare repentinamente e di dare una certezza riguardo lo stato di salute delle pazienti.

Cosa facciamo

Chirurgia, fecondazione artificiale, fecondazione assistita, fisiopatologia della riproduzione umana, ginecologia, ostetricia: una serie di opzioni che permettono al professor Ambrosini di poter seguire le proprie pazienti in diverse situazioni. Dalla menopausa, alla diagnostica prenatale non invasiva, dalla sterilità e poliabortività alla procreazione medicalmente assistita omologa, dalla procreazione medicalmente assistita eterologa a molto altro ancora. Inoltre presso lo studio medico Ambrosini è possibile eseguire visite ostetriche e ginecologiche, colposcopia e colpo citologia, citologia endometriale, biopsie endometriali e della portio, ecografie ostetriche e ginecologiche, contraccezione, endocrinologia ginecologica, menopausa, sterilità di coppia, consulenze chirurgiche, chirurgia ginecologica.
due mani di un medico che hanno appena prelevato un campione

DIAGNOSTICA PRENATALE NON INVASIVA

Di recente la diagnostica prenatale non invasiva (NPTI) si avvale di una tecnca che permette di analizzare materiale genetico fetale che migra nel torrente circolatorio materno e permette di valutare con una accuratezza che va fino al 99,9% le alterazioni del cariotipo ( i cromosomi) fetale .
La procedura diagnostica ci offre tre livelli di esami:

 1) analisi delle anomalie dei cromosomi : 
      a) cromosoma 13 - Sindrome di Patau-
      b) cromosoma 18 - Sindrome di Edwards-
      c) cromosoma 21 -Sindrome di Down-
      d) cromosomi sessuali x.y con riferimento alle sindromi di Turner, Klinefelter ecc
 
2) microdelezioni cromosomiche:                        
    -Sindrome di Cri Du Chat
    -Sindromen di DiGeorge
    -Sindromen di Prader-Willi
   - Sindrome da microdelezione 2q33-1

3) Analisi di tutti i Cromosomi

MENOPAUSA

La Menopausa e’ un fenomeno fisiologico che normalmente avviene fra i 45 e i 55 anni e corrisponde al termine del ciclo mestruale e dell'età fertile. Le ovaie non producono più follicoli ed ormoni sessuali. Tale stato provoca una serie di mutamenti nella donna che riguardano gli aspetti trofici, metabolici, sessuali e psicologici, con una serie di manifestazioni (sintomi) che variano a seconda della persona e possono essere più o meno marcati.
La mancata produzione degli ormoni sessuali pero’ non ha solo sintomi che il paziente puo’ avvertire , ma ha effetti piu’ subdoli e lenti sul metabolismo glicidico, lipidico e sulla mineralizzazione delle ossa.
La maggior parte delle donne avverte un profondo cambiamento fisico e psicologico in questo periodo, ma non tutte le donne sono uguali e non tutte le donne hanno gli stessi sintomi.
Neurologicamente si assiste a un invecchiamento della persona, con conseguente diminuzione delle capacità di concentrazione e di memoria. Inoltre si nota un aumento di peso e Vampate di calore,Depressione, 
Disturbi del sonno e .Diminuzione del desiderio sessuale[
Esistono pero’ sintomi piu’ “fisici” come Sindrome uro- ginecologica che porta ad atrofia vaginale , Tenesmo, disuria, pollacchiuria e nicturia
Esistono pero’ Manifestazioni tardive piu’ subdole che portano ad osteoporosi, calo di energia fisica, disturbi urinarie e malattie cardiologiche. 

E’ quindi importante essere informati su quando si andra’ in menopausa, e quali sono i rischi ed i benefici della terapia sostitutiva.
La terapia sostitutiva consente alla Donna di sostituire gli ormoni sessuali che produceva il proprio ovaio con farmaci che hanno effetti simili.

Estrogeni somministrati per via orale, transvaginale, transdermica e anche endonasale (per il solo estradiolo):

Progestinici somministrati spesso in combinazione con gli estrogeni al fine di fornire un trattamento più completo, per via orale, transedermica e vaginale

I Fitoestrogeni (isoflavoni, genisteina e daidzeina) composti estratti dalle piante, che hanno la capacita’ di agire con effetti simili agli estrogeni ovarici. 

SEEMs
I SEEMs ( Tibolone) sono modulatori enzimatici selettivi degli estrogeni ed hanno funzione estrogena, riescono infatti a modulare le loro funzioni a livello sia tessutale sia degli organi coinvolti.
I più utilizzati sono:

SERMs
I SERMs ( Raloxifene e tamoxifene) sono modulatori selettivi dei recettori estrogenici.

PMA OMOLOGA

Gia’ Direttore del Centro di Procreazione medicalmente assistita dell’Universita’ di Padova, mi occupo di questa materia dal 1993.
La mia formazione professionale si giova anche di tre anni di esperienza all’estero: Monash University (Melbourne, AU), NY University (NYC, USA) e presso lo CHUV di Losanna (Swiss).

La Procreazione medicalmente assistita (PMA) e’ la scienza che permette di aiutare gli individui a procreare, utilizzando aiuti chirurgici, ormonali, farmacologici o di altro tipo.
Questa dicitura e’ spesso confusa con la fecondazione artificiale, che invece riguarda solo la fecondazione dell'ovulo da parte dello spermatozoo.
Sempre piu’ persone ricorrono ad un aiuto concreto e le tecniche di PMA possono aiutare molte coppie.
Il dato piu’ allarmante e’ che oggi molte coppie, per i motivi piu’ disparati, cercano un figlio in tarda eta’.
Fortunatamente gli uomini sono in grado di produrre spermatozooi sino a tarda eta’, mentre le donne nascono con un numero prestabilito di potenziali cellule uovo che si esauriscono anno dopo anno e vengono danneggate dal tempo.
Questo è certamente il dato più allarmante, ma le cause di sterilità sono le più disparate.
Le tecniche di PMA possono essere in vivo o in vitro.

L’inseminazione intrauterina (IUI) e’ una tecnica in vivo ed è di semplice esecuzione e di minima invasività.
 Si introduce nell’ utero il liquido seminale del partner, centrifugato e lavato e capacitato , per poter inserire solo gli spermatozooi con la migliore motilità progressiva.Le indicazioni sono: oligoastenospermia media o lieve (diminuzione del numero e della motilità degli spermatozoi nel liquido seminale), ed impotenza coeundi nell’uomo; 
nella donna le indicazioni sono: cause cervicali,infertilità da fattore immunologico (dovuta alla presenza di anticorpi antisperma). 
 Dopo la centrifugazione il campione viene caricato in un apposito catetere ed introdotto nella cavità uterina. La procedura è indolore e viene eseguita durante il periodo dell’ovulazione.
Per quanto riguarda i risultati è ancora difficile valutare la reale efficacia dell’IUI; in generale la percentuale complessiva di successo, dopo 5-6 cicli, non supera il 25%, mentre le percentuali di gravidanza per ciclo raggiungono in media il 10%. I risultati sono ovviamente influenzati dall’indicazione, dalla qualità della risposta alla stimolazione ovarica, dall’età della donna e dalla durata della sterilità, per cui tutti questi parametri sono molto importanti per poter valutare l’adeguatezza della tecnica e il numero di cicli da effettuare prima di passare ad altre metodiche più complesse.


L'acronimo FIVET (Fertilizzazione In Vitro con Embryo Transfer) significa che l’ incontro ( la fecondazione) tra l’ovocita e lo spermatozoo avviene in in vitro con successivo trasferimento dell'embrione nell'utero della donna.
La procedura si divide nelle seguenti fasi:
• Somministrazione per via sottocutanea di gonadotropine per lo sviluppo di più follicoli e quindi di un numero maggiore di cellule uovo (nel ciclo spontaneo ne viene prodotta di solito una sola), cosi’ da poter stimolare la crescita di un maggior numero di ovociti. La paziente viene sottoposta a monitoraggio ecografico per valutare la crescita dei follicoli ed a esami del sangue per individuare il momento migliore per far maturare gli ovociti e per prelevarli. Gli ovociti vengono prelevati con ago aspirazione ecoguidata dei follicoli.
• Gli ovociti recuperati ed idonei alla fecondazione vengono messi insieme agli spermatozoi affinche’ ogni ovocita venga penetrato e fecondato.Vengono a volte utilizzate delle tecniche di fertilizzazione assistita (micromanipolazione ) come l'ICSI (Intracytoplasmatic Sperm Injection, o iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo).Questa tecnica vene usata nelle gravi astenospermie e consiste nel prendere con un ago otto volte piu’ sottile di un capello lo spermatozoo prescelto ed iniettarlo direttamente nel citoplasma dell'ovocita;
L'embrione così formatosi viene introdotto in utero per via vaginale, normalmente entro 3-5 giorni ore, e circa due settimane dopo si puo’ eseguire un test di gravidanza nella speranza che si sia annidato.

PMA ETEROLOGA

La procreazione medicalmente assistita eterologa ora e’ possibile in italia!
Viene utilizzata dalle coppie che non possono usare i loro gameti (ovociti oe/o spermatozoi).
L’ eterologa maschile, cioe’ l’utilizzo del seme di un donatore viene attuata in casi di azoosperimia o nei casi in cui non e’ possibile usare il seme del partner.
L’eterologa femmnile o ovodonazione si basa sulla donazione degli ovociti da parte di una persona esterna alla coppia ed è il trattamento più efficace nell’ambito della riproduzione assistita. La percentuale di successo per ogni tentativo è del 68 %. Nel caso di tentativi multipli, la pregnancy rate cumulativa raggiunge il 90%.

Le iNDICAZIONI Per l’ OVODONAZIONE sono la Menopausa precoce fisiologica e chirurgica e le Malattie genetiche trasmissibili alla prole.
Pur tuttavia la maggior parte delle coppie che utilizza questa tecnica arriva da fallimenti ripetuti nelle altre tecniche di fecondazione assistita ed esaurimento della funzione ovarica.
Con questa tecnica la “ricevente” non deve essere sottoposta a pesanti terapie e neppure deve andare in sala operatoria.

La paziente con la sola terapia medica stimolera’ la crescita dell’endometrio in modo che sia pronto a ricevere gli embrioni. 
Gli ovociti donati vengono fecondati attraverso FIVET, mettendo in contatto ovuli e spermatozoi del partner o del donatore, oppure tramite ICSI, con l’iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo selezionato nell’ovocita donato. 
Gli embrioni (in genere un massimo di 2) vengono trasferiti nell’utero della paziente in maniera indolore. 

STERILITA’ E POLIABORTIVITA’

Mi occupo di Sterilita’ dal 1993.
La sterilità è una condizione di coppia in cui uno o entrambi i componenti della stessa sono affetti da una condizione fisica permanente che non rende possibile il concepimento. 
E’ una condizione rara.
Si parla, invece, di infertilità quando una coppia, per cause maschili o femminili non riesce ad ottenere una gravidanza dopo un anno di rapporti non protetti.
L’infertilità, e’ al contrario della sterilità, una condizione generalmente piu’ facilmente risolvibile con terapie o con la tecnologia.
Le cause di incapacita’ riproduttiva sono molteplici: 
La sterilità femminile conta per un terzo dei casi, quella maschile per un altro terzo, la sterilità di coppia (sterilità combinata) per il 15% e il resto rimane "inspiegato".
Quindi esiste un 15% di coppie sterili alle quali non siamo in grado di dire la causa della loro incapacita’ di avere un figlio!
Questo e’ un limite della medicina, ma con gli anni la percentuale di “sterilita’ inspiegata” tendera’ a diminuire.

La Sterilità femminile comprende : 
• Cause ovariche
• Sindrome dell'ovaio policistico (PCO)
• Amenorrea
• Ridotta riserva ovarica
• Disfunzione del corpo luteo
• Menopausa precoce
• Disgenesia gonadale (Sindrome di Turner)
• Cause tubariche/peritoneali
• Endometriosi
• Infiammazione pelvica (PID)
• Occlusione tubarica
• Cause uterine
• Malformazione dell'utero
• Miomi uterini
• Sindrome di Asherman
• Cause cervicali
• Stenosi cervicale
• Anticorpi antispermatici
• Cause vaginali

Poliabortivita’

La poliabortività e’ la ricorrenza di tre o più aborti spontanei consecutivi.
Il fenomeno è per lo piu’ legato all'età femminile: valori più elevati si hanno in donne meno giovani (da 35 anni in poi), pur evidenziandosi anche tra le donne piu’ giovani.

Sul versante femminile, gli esami preconcezionali sono utili in preparazione della successiva gravidanza.
Indagini devono essere effettuate per controllare il regolare funzionamento della Tiroide.
 I dosaggi dell'omocistenemia e dei fattori trombofilici ereditari in soggetti asintomatici, nonche’ i fattori della coagulazione.
La presenza di anticorpi antifosfolipidi invece può essere utile, in quanto in caso di positività, si può instaurare una efficace terapia preventiva. Puo’ essere considerata "trombofilica" una gestante che presenta le seguenti caratteristiche: 1) episodio di trombosi venosa 2) anticorpi anti-fosfolipidi ad elevato titolo; 3) marcata riduzione delle proteine S e C (al di fuori della gravidanza); 4) bassi valori di Antitrombina 3º; 5) alti valori di omocisteina (già al di fuori della gravidanza); 6) mutazioni complete dei fattori 5º e 2º di Leiden. 
E’ utile eseguire la mappa cromosomica di entrambi i partner.
Vanno inoltre indagate con ecografia ed isteroscopia malformazioni uterine, in particolare l'utero setto, e la presenza di formazioni quali i fibromi sottomucosi nella cavità uterina. 
Sul versante maschile, può essere utile la valutazione della morfologia e della frammentazione del DNA degli spermatozoi.
Studiando accuratamente ogni caso clinico, esistono terapie a volte empiriche ed a volte mirate che riducono drasticamente la poliabortivita’. 

Se vuoi prenderti cura di te, se cerchi la soluzione a un disturbo ginecologico chiama il numero 049 8722400 e fissa un appuntamento con il professor Ambrosini!

Share by: